Pubblicato: 23 agosto, 2011 Termometro cellulare

come riusare materiale di scarto

Il gran caldo e l’afa estivi ci spingono spesso a domandarci quale sia la temperatura effettiva nelle nostre citta’ o luoghi di vacanza. A partire dal display a cristalli liquidi di un vecchio cellulare è possibile realizzare un termometro elettronico fai-da-te di grande precisione. L’occorrente per questa realizzazione e’: un sensore di temperatura, il display di un vecchio telefonino, una batteria da 3,6 volts, un circuito stampato, resistenze, transistor e pochi altri pezzi di elettronica.

Tutti i pezzi di elettronica possono essere smontati da altre apparecchiature, dando cosi’ nuova vita a dei rifiuti elettronici. Il termometro sarà in grado di leggere la temperatura da -55 a 125 °C. L’amperaggio dello strumento varia da 0,2 a 0,8 mA. Le temperature negative sono indicate con un meno davanti alla cifra.

Il primo passaggio consiste nell’estrarre il display a cristalli liquidi dal telefonino. In questo caso è stato utilizzato il display di un Nokia 3310, un cellulare estremamente diffuso ed affidabile. Prestate molta attenzione durante questa operazione per evitare di rompere il display: questo pezzo è molto delicato. Su un lato del display c’è un connettore con otto ingressi.

Il secondo passaggio consiste nel realizzare il circuito stampato così come lo vedete in figura. Questo circuito è di piccole dimensioni ed è facile da realizzare. Prestate solo molta attenzione mentre incollate le estremita’ di plastica alla scheda perche’ queste reggeranno il vostro display a cristalli liquidi. Controllate almeno due volte la posizione dei connettori prima di saldare. Gli elementi da saldare sono facili da trovare. Si tratta del sensore di temperatura DS18B20, due condendatori elettrolitici da 4,7 uF, una resistenza 100nF e una resistenza da 10K ed un microcontrollore (Pic12F629). Potete trovare maggiori dettagli cliccando qui.

[Fonte: Ivica Novakovic]

Materiali: ARANCIO - Elettronica