Pubblicato: 10 giugno, 2009 Trappola bottiglia

foto oggetto

Niente di meglio, in queste serate primaverili, di una bella cenetta in giardino con gli amici, se non fosse per le zanzare!! Niente paura, calma e sangue freddo, perchè basta una bottiglia di plastica, con qualche altro ingrediente, per costruire una caramellotrappola per zanzare. Ecco cosa vi serve: 1 bottiglia di plastica, 50 grammi di zucchero, 1 grammo di lievito, 1 termometro, 1 coltello e del cartoncino nero. Tagliate il collo della bottiglia alla base, conservandone i due pezzi.

Mescolate 200 ml di acqua calda con lo zucchero e far raffreddare il tutto fino a raggiungere la temperatura di 40°C, versate l’acqua zuccherata nella bottiglia ed aggiungervi il lievito, che fermentando, formerà  anidride carbonica. Introdurre la parte superiore della bottiglia nell’altra metà, dopo averla girata all’ingiù, e fissarne bene i margini come in figura 2.

Coprite la parte esterna della bottiglia con il cartoncino nero, e piazzare la caramellotrappola in un angolo scuro ed umido, poiché le zanzare adorano l’oscurità e la Co2, a quel punto la trappola comincerà a funzionare. Ricordatevi di aggiungere la miscela di acqua, zucchero e lievito ogni due settimane, potrete finalmente godervi il vostro bel giardinetto senza farvi “massacrare” dalle zanzare e senza asfissiarvi con gli zampironi o con altri prodotti nocivi, buona grigliata.

[fonte: Naruwan]

Materiali: GIALLO - Plastica

25 risposte a “Trappola bottiglia”

  1. Jappo scrive:
    28 ottobre, 2010 alle 12:09

    Ragazzi siete i migliori!
    Avevo letto tempo fa di una soluzione simile ma mi ero dimenticato gli ingredienti, quindi per quest’estate riuscirò finamente a replicarla!!!

    PS avevo sentito di una trappola del genere anche per le mosche, solo che non mi ricordo più come si faceva, voi non avete notizie a riguardo?

    Buon lavoro.

    -Jappo-

  2. gilberto scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:08

    Ha ragione Jappo, geniali. Appena posso la provo.

  3. olly scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:09

    Peccato non averti letto prima, ma, per agosto sono pronta!!!
    Per Jappo: per le mosche avevo sentito o letto di mettere una bevanda molto zuccherata non so dirti se funziona.
    ciao e grazie

  4. corra scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:09

    Agosto?? Qui in Emilia ad aprile se c’è tepore cominciano già a masssacrarci :-))) Speriamo che funzioni con la zanzara tigre!!

  5. alexia scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:10

    geniale

  6. francesca scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:10

    se funziona davvero m avrete salvato la mia estate….

  7. roscio scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:13

    Da provare assolutamente. Cosi’ la smetto di comperare puzzole elettriche che mi impestano la stanza e intossicano i polmoni del mio bimbo!

    Domanda: ogni quanto va ricostituita, la miscela? Immagino che dopo un po’, il lievito vada a farsi friggere….

  8. mauro scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:13

    Che tipo di lievito? Quello classico per pizze a cubetti, oppure quello in polvere per dolci o pizze? Ciao e grazie

  9. ioricreo scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:15

    Ciao Mauro, i lieviti sono entrambi adatti anche se eì preferibile quello in polvere per la facilità di utilizzo. La precedenza ovviamente va data al lievito scaduto che hai in casa.

  10. ioricreo scrive:
    31 ottobre, 2010 alle 20:15

    Ciao Roscio. La miscela va ricostituita ogni 2 settimane come dice la notizia nelle ultime righe. A presto.

  11. maria scrive:
    6 aprile, 2011 alle 09:45

    ciao scusa……volevo chiederti….
    non ho capito la parte in cui dici….Tagliate il collo della bottiglia alla base, conservandone i due pezzi………( quli sono i 2 pezzi)?
    e poi…una volta introdotta il collo della bottiglia sottosopra c’è il buco…le zanzare non risalgono???
    Grazie mille…..

  12. mario scrive:
    12 aprile, 2011 alle 18:34

    ma no ce la fanno a riuscire dall buco dove sono entrate?

  13. ioricreo scrive:
    12 aprile, 2011 alle 22:56

    è possibile che qualcuna scappi..ma nessun sistema è infallibile!!!

  14. mery scrive:
    25 luglio, 2011 alle 10:07

    Per liberarsi dalle mosche,invece,bisogna metter nella bottiglia dell’acqua,gli scarti della pulizia del pesce e non bisogna coprirla con il cartoncino:le mosche cercano la luce!
    Bisogna mettere le bottiglie lontano dal naso vostro e dei vicini di casa visto che puzzano.
    Buona estate a tutti
    Mery

  15. Tamara scrive:
    5 novembre, 2011 alle 23:58

    Grazie 1000 la prossima estate provvederò sicuramente dato che in giardino era impossibile mangiarci….:-)

  16. dona scrive:
    24 febbraio, 2012 alle 11:52

    Nelle case di campagna, quando ero bambina, per le mosche usavano aceto allungato con acqua e un po’ (era un lusso) di zucchero o qualcosa di dolce (miele vecchio) o anche vino vercchio già in aceto e basta e dicevano che funzionava

  17. dany scrive:
    30 maggio, 2012 alle 15:31

    Ciao sono una vostra fan! Vi seguo da circa due settimane, ieri ho provato con questa idea della bottiglia, visto che vivo in campagna, e sono perseguitata dalle zanzare! L’unica in famiglia! Solo che………….ahime’! ieri sera mi hanno “massacrata” di punture, peggio degli altri giorni! Come mai? Potreste consigliarmi un altro metodo sano ecologico e piu’ efficace??? Credo che a casa mia le zanzare siano…..FURBETTE!
    Complimenti x il blog!!

  18. ioricreo scrive:
    31 maggio, 2012 alle 20:58

    ..purtroppo le zanzare in molti casi sono “furbette” come dici tu. Se proprio questa trappola non dovesse funzionare e ne fossi punta puoi quanto meno usare un olio essenziale di melaleuca (tea tree) per sopportare e contrastare il prurito delle punture!

  19. dany scrive:
    5 giugno, 2012 alle 19:38

    Grazie per la risposta! Provero’…..

  20. Elena scrive:
    5 agosto, 2012 alle 07:28

    Sarà anche un metodo efficace, ma non molto etico ;)

    Proverò a cercare qualche altra soluzione che tenga lontani i fastidiosi insetti, senza ucciderli.

    Complimenti per il sito, davvero interessante.

    Elena.

  21. ioricreo scrive:
    5 agosto, 2012 alle 13:57

    @Elena puoi guardare questa notizia (usando la citronella per tenere distanti le zanzare) o quest’altra notizia (usando le vecchie bustine di tè come lenitivo per le punture)

  22. paolo scrive:
    9 maggio, 2013 alle 10:02

    Ma in pratica cos’è che le uccide? ho letto altre “ricette” simili, che includono l’applicazione di uno strato di organza (o di un retino fitto) che permette alle uova di scendere ma non permette alle larve di uscire!
    questa soluzione sembra lasciarle libere di uscire invece, mmm
    forse la densità dell’acqua zuccherata le blocca?
    mi aiutate a capire meglio? :)

  23. ioricreo scrive:
    9 maggio, 2013 alle 10:17

    @paolo, le zanzare vengono attratte dalla Co2 prodotta dalla trappola (la zanzara infatti usa tale elemento per orientarsi verso la preda da pungere) e una volta entrata nel tubo toccando l’acqua, come già detto tu, grazie alla densita dell’acqua non riescono a risalire. Lo stesso vale per le mosche anche se il composto della ricetta deve essere diverso per attirarle.

  24. Salvatore scrive:
    17 maggio, 2013 alle 11:30

    Ciao,
    ci sono controindicazioni per esempio a tenere la bottiglia in camera da letto mentre dormo? non è che mi asfissio?
    la stanza è più o meno 8/10mq

  25. Rita scrive:
    22 maggio, 2013 alle 12:58

    Qualcuno mi sa dire se anzichè usare il lievito in polvere si usa quello in cubetti quanto ce ne va? In molti siti trovo scritto che ci va l’intero cubetto, ma sono 25 grammi…..

Lascia un Commento